Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Privacy Policy Approvo

Conosciamo il nuovo Consiglio Federale, Stefano Rigamonti


Stefano Rigamonti è Segretario Generale dal 1988, da ben 32 anni, incaricato a ricoprire questo ruolo di assoluto prestigio anche per il prossimo quadriennio.
Sportivo dal glorioso passato: prima nel Karate e poi nella Kickboxing conquistando 3 titoli italiani (1985-1987-1989) tra Semi e Light Contact nei 74 kg e 79 kg.
E’ stato campione europeo nel Light (74 kg) nel 1987, vice campione del mondo nel 1987 a squadre nel Semi Contact e vice campione europeo (1989) nel Light Contact. Non solo, ma in bacheca anche la medaglia di bronzo alla coppa del mondo del 1997 nel Light.
 
“Conosco molto bene la storia della nostra Federazione - precisa il Segretario Generale Stefano Rigamonti - avendola vissuta sia come atleta, negli anni ‘80 e ‘90, sia poi come dirigente. Ogni mandato ha sempre avuto le sue problematiche e i suoi indiscutibili successi. E’ stato sempre un crescendo continuo di sfide e conquiste.
Il quadriennio che andremo a vivere, a parte il momento tragico dovuto al Covid, rappresenta per la Federazione l’ennesima sfida che da buoni combattenti affronteremo e il risultato che auspichiamo di raggiungere, perché abbiamo tutte le credenziali in regola, sarà il successo di chi ci ha dedicato una vita e creduto lavorando sodo come atleta, come tecnico, come volontario e come dirigente.
 
Tanti sono coloro che hanno lavorato per la crescita del nostro movimento e della nostra Federazione ma uno in particolare, il nostro presidente Donato Milano, ha creato un appeal strategico con le istituzioni e aspetterò con ansia l’evoluzione dei fatti storici che potrebbero vederci proiettati in un’altra dimensione...
Io sarò, come sempre, al mio posto a gestire quanto mi compete nell’interesse dell’obiettivo comune e per i nostri ragazzi”.